Rievocazione Storica Perugia

Tag:, , , ,

Rievocazione Storica Perugia:

Rievocazione Storica Perugia

Rievocazione Storica Perugia

Ovunque se ne parla; giornali, cartelloni pubblicitari, radio e tv: Perugia è quasi pronta per la sua rievocazione storica che la vede tornare dietro di ben 600 anni. Esattamente al 1416.

La rievocazione storica è un’attività con cui si ripropongono vicende o situazioni di epoche passate con l’obbiettivo di valorizzare e riscoprire le tradizioni storico-culturali di un popolo.
Le ricostruzioni, oltre a rappresentare storicamente vicende e contesti dell’epoca, proiettano i cittadini nel luogo, oltre che nel tempo, in cui determinate azioni sono avvenute e spiegano ai più curiosi il perché di determinati nomi, consuetudine e usi e costumi

Sapete da dove nascono i nomi dei rioni? E le case nobiliari in cosa si differenziavano rispetto alle altre?
I rioni, da sempre 5, hanno dato il nome alle porte della città, ed erano non solo, divisioni fisiche ma coltivavano profonde differenze politiche ed amministrative. I loro nomi derivano dai 5 animali che li rappresentavano: Il cavallo Porta Sant’Angelo, il cervo Porta Eburnea, l’orso Porta Santa Susanna, l’aquila Porta Sole e il leone Porta San Pietro.

Le case, in epoca rinascimentale, erano costruzioni a schiera interrotte solo di tanto in tanto da vicoli, spesso adoperati per aumentare la superficie abitabile.
L’acqua, in assenza di gronde, cadeva direttamente sulla strada o direttamente su orti e giardini.
Le abitazioni dei nobili, si riconoscevano a colpo d’occhio, perché volutamente le più alte.

Perugia, grazie alla sua rievocazione storica, ci regala consapevolezza e senso di appartenenza.
Non a caso, in contro tendenza rispetto agli ultimi anni, molti perugini scelgono di tornare ad abitare in centro storico, lasciando da parte comodità, parcheggi ed edifici ultramoderni.

Le case costruite allora, ereditano energie e valori senza eguali, i muri portanti, le costruzioni, gli archi parlano lingue senza voce, che solo chi ha consapevolezza può sentire.
E’ con orgoglio e cognizione che sempre più perugini cercano di rivivere magie, contesti e i luoghi di 600 anni fa, e non solo con ricostruzioni storiche, ma vivendo il centro storico come luogo e spazio in cui desiderare di continuare a far parte di quella storia che, tanto, ci ha reso famosi in tutt’Italia.

In copertina foto del rione di Porta Sant’Angelo

(Testo gentilmente concesso da Romina Putti foto Francesco Centamori : Riproduzione riservata )

Nessun commento

Lascia un commento, la Tua opinione è importante per noi !